BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



19 giu 2015

RISPOSTA ALL'INVITO ALLA LETTURA

                              
       "Margaret Mazzantini è maestra nel raccontare 
l'incrinarsi della perfezione, l'inacidirsi delle gioie, 
                      lo sfarinarsi progressivo dei sentimenti"                       
                                          Corriere della sera


                               NESSUNO SI SALVA DA SOLO


Argomento di triste e dilagante attualità, per questo romanzo di Margaret Mazzantini : la separazione.
Delia e Gaetano si sono separati da poco, dopo dieci anni di matrimonio e due figli piccoli.
Si incontrano una sera al ristorante per definire le vacanze dei bambini.
Durante questo incontro ognuno dei due ripercorre con vari flash back la loro storia.
Passano da sentimenti che rasentano l'odio, accarezzano gli anni dell'amore, dell'attrazione fisica, la nascita di figli, sfiorano la tenerezza, le intimità condivise, chiedendosi perché è finito tutto.
Precipitano alla fine in un non sentimento di indifferenza di fastidio.
Con la consapevolezza di non essere riusciti ad aiutarsi l'un l'altro per tentare di salvare il loro rapporto. Trovandosi ora entrambi sconfitti.

Tutto questo narrato dalla penna di Margaret Mazzantini, con toni aspri a volte duri e descrizioni spesso molto esplicite, ma con precisione quasi chirurgica arriva al cuore delle emozioni, descrivendo lo sfascio dei sentimenti.
E stato difficile, impossibile, schierarsi dalla parte di uno dei due protagonisti: Gaetano a volte infantile e superficiale, Delia troppo fiduciosa nel potere dell'amore.
Una coppia contemporanea, simbolo purtroppo di una generazione.
Una lettura che mi ha incatenato alle pagine, per la sapiente narrazione, facendomi partecipe della storia di Delia e Gaetano.
Della Mazzantini avevo letto “Non ti muovere” e mi aveva colpito dritto al cuore, ha saputo infliggermi la stessa ferita con quest altro appassionante romanzo.
Non è quella che si definirebbe una lettura da ombrellone,
ma ve lo consiglio ugualmente.
E poi un buon libro è sempre un buon libro, in qualsiasi stagione.
              Buona lettura.
                                  
Luisa


2 commenti:

In punta di penna ha detto...

Ho visto il film. Uno Scamarcio lodevole e la partecipazione di Vecchioni! !!!

Betty ha detto...

Ho letto diversi libri della Mazzantini, ha uno stile incisivo che inchioda alla pagina, eppure non riesco ad amarla.
Vorrò comunque leggere questo romanzo per l'argomento così attuale che affronta.
Grazie a Luisa per la bella e appassionata recensione.