BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



13 apr 2015

RITROVARE UN AMORE...

Il mio amore per la lettura resta un punto fermo, anche se ho periodi di “stanca” periodi in cui il pensiero scappa dalle parole, e resta ancorato ad un suo tarlo che lo allontana dalle pagine, che pure amo.
La mente mi tradisce, mentre gli occhi continuano a scivolare lungo le righe, così mi ritrovo a leggere e rileggere la stessa frase.
Ma quando la passione ritorna, quando una trama mi avvince, allora ne sono ostaggio e appena posso rubo il tempo per riprendere la lettura.
Questo è avvenuto leggendo “Il sorriso di don Giovanni”, un libro che giaceva da mesi nella mia libreria, colpevole anche quel distacco, quel periodo distratto.
Da poco ne ho concluso la lettura che mi ha lasciato piacevoli sensazioni ed impressioni, che condivido con chi ama leggere questo blog:

E' la storia di Adele appassionata lettrice, che con la sua passione travolge il lettore e lo porta a viaggiare con lei tra le pagine di romanzi classici.
Adele infatti racconta in prima persona la sua vita, vissuta in simbiosi con i libri e lo si potrebbe scambiare per un romanzo autobiografico, se non se ne conoscesse l'autore :Ermanno Rea.
Ho apprezzato, la flluidità della scrittura e la capacità dell'autore di entrare nell'intimo femminile e per le numerose citazioni di opere famose; che sottolineano come gli eventi della nostra vita possano trovar voce nella letteratura, in parole già scritte in sentimenti già espressi da Grandi autori quali Goethe,Dostoevskj,Calvino,Melville...
Adele entra letteralmente tra le pagine dei libri conversa con i personaggi si confronta con essi si fonde si immedesima con le loro vite.
La narratrice con il suo sfrenato amore per la lettura, spesso mette in parallelo le proprie pulsioni,i pensieri, i sogni, con gli scritti di grandi autori sottolineando sentimenti senza tempo attraverso capolavori immortali.
Una lettura che mi ha piacevolmente colpito.
Mi è stato difficile scegliere, tra i tanti passi del libro che mi hanno coinvolta, un brano da condividere con voi
.
.[ Ma quale vita non è un romanzo? Una volta ho letto, non ricordo dove, che i romanzi sono inventari di cose perdute: amori,occasioni,speranze, giovinezza, ideali, e l'elenco potrebbe continuare a lungo. Certo, c'è anche l'altro piatto della bilancia, ci sono anche i guadagni. Non molti per la verità: il maturare della coscienza, la consapevolezza che cresce e si fa fermezza di carattere, capacità di resistere al male. Questo, sono i romanzi: le infinite sfaccettature del grande conflitto nel quale, ci piaccia o no, siamo immersi dal momento in cui nasciamo fino a quello del congedo da questo mondo...]





1 commento:

Betty ha detto...

Evviva! Quando torna a trionfare l'amore è sempre una gioia!
Condivido ciò che hai scritto sul libro di Rea, un romanzo davvero avvincente ed insolito e chi ama la lettura e i libri "veri", non può restarne indifferente. Adele è una donna di indubbio fascino e l'autore ha un animo che gli permette di muoversi con grande abilità nell'universo femminile, anche quello più misterioso, tanto che spesso mi sono soffermata a riflettere: "caspita, ma chi scrive è un uomo!"
Lo stile, così analitico e fluido, mi ha ricordato Elena Ferrante.
"Io so che vivendo di libri e per i libri navigo su una zattera che non affonderà mai:"