BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



30 dic 2012

Dio Delle Donne, fai rinascere il mondo (Chiesa di S.Nicolò)

Dio Delle Donne, fai rinascere il mondo

Siete voi a portare i vostri figli
o i vostri figli vi hanno portato?
Quando si è incinte di futuro
è la speranza che spinge avanti.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

I bambini hanno danzato nel vostro grembo
come in un giardino fiorito.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

Nella voce di Giovanni, Elisabetta, c’è il tuo coraggio
di scrivere parole nuove, di non piegare la schiena
al potere del tempio.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

Nello sguardo di Gesù, Maria, c’è il tuo canto
il Magnificat dei poveri rimessi in piedi
e dei potenti rovesciati.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

Voi donne siete il futuro del mondo,
madri sempre incinte di Dio,
con voi tutta la creazione si fa grembo
per partorire un nuovo mondo.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

Attraversate senza timore le montagne
perché è l’amore che vi porta in alto.
Perché l’amore vince la paura.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

Nessuno più vi ferisca donne,
nessuno più vi tolga la voce,
perché senza di voi il mondo si spegne,
la terra lentamente muore.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

Siano come voi anche le Chiese,
incinte di Dio, gravide d’amore,
lontane dai palazzi del potere.
Dio delle donne, fai rinascere il mondo

Nel vostro incontro si prepara il tempo nuovo.
Nel vostro abbraccio si racchiude un nuovo sogno
E Dio rinasce dentro il cuore della terra…

Amen

Distribuita ai fedeli la vigilia di Natale nella Chiesa di San Nicolò all’Arena (Verona)


1 commento:

Betty ha detto...

E' una bella preghiera che invita a riflettere, soprattutto dopo un anno dove la violenza sulla donna è stata un orribile protagonista.
Grazie Corinna