BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



26 mar 2012

L'ALLEGRA LIBELLULA

In risposta a Giovanna e ai salsiccioti di ciccia (buono però il tiramisù eh!) inserisco la poesia che avevo letto a Scritture di Primavera.


Vi racconto la vita di una arzilla libellula
Che rimase allibita quando divenne vedova
Da capo a piedi gelida smise di far ginnastica
Avvolse la sua elica in un velo di plastica
Decise un lungo viaggio destinazione Empoli
E per darsi coraggio s’installo sopra i trampoli
Mentre marciava in fretta scandendo “Oh lulla, oh libe!”
Inciampò in una fetta di bavarese al ribes.
“Sorte molliccia” disse “una torta che trema!
Più piango più mia appiccico. Stò crepando di crema!”


di Toti Scialoja, Quando la talpa vuol ballare il tango, Ed. Mondadori 1997

1 commento:

Marisa ha detto...

Calvino nutriva il figlio di poesie di Toti Scialoja, che apprezzava personalmente (vedere la lunga prefazione al testo, 1975).
Raboni scrive:
"Invece di limitarsi ad essere degli scioglilingua, delle filastrocche o dei nonsense, le poesie di Scialoja si animano ogni volta di un senso, anzi di un di più di senso, che asseconda le più imprevedibili inclinazioni delle parole e dei suoni, sfrutta i più segreti spessori di un nome o di un aggettivo, si infila a sorpresa nell'intercapedine fra due sillabe o nella coniugazione di un verbo per dare [...] vita a situazioni e racconti [...]." Giovanni Raboni 1997