BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



06 mar 2012

QUESTIONI SOLO DI LINGUA?

Care Amichedipenna
Voglio condividere con voi questa question linguistica.
Mi arrivano numerose mail con inviti per questa o quella iniziativa dove si parla di FESTA DELLA DONNA.

C'è la Festa della Renga, la Festa della Birra, la Festa del Lesso con la Pearà, la Festa del Grana Padano, la Festa del Parmigiano Reggiano,la Festa della Salsiccia di Mantova, la Festa Polenta e osei ... C'è la Festa della Mamma , del Papà, dei Nonni, degli Innamorati ...
Tutte feste commerciali.

Inoltre, linguisticamente parlando: Se  sei giovane e belloccia (ma anche no) e esci di sera rischi che ti facciano la festa.

Negli ultimi vent'anni, con lo sdoganamento delle pulsioni più retrive e negative della società si è imbarbarito anche il linguaggio e il travisamento dei termini ha un profondo significato, perchè se la lingua è, come si dice, cosa viva, cioè marcia con l'evoluzione (o l'involuzione) sociale,  la trasformazione da GIORNATA DELLA DONNA a FESTA DELLA DONNA la dice lunga.

Noi davamo all'origine, alla Giornata della Donna, un significato profondo, politico e sociologico e antropologico.
Il termine Festa è un termine  meramente di carattere commerciale e godereccio.
Io rivendico l'uso di una terminologia più appropriata e dignitosa che induca alla riflessione e al cambiamento.
Torniamo a chiamarla :

                         GIORNATA DELLA DONNA

Avevo segnalato una lettura: Gianrico Carofiglio, La manomissione delle parole, 2010
Ve la ripropongo. Perchè non parlarne in un prossimo laboratorio autogestito?

PS A questo proposito: chi conduce a marzo?
Un basin Marisa

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Hai proprio ragione , torniamo a chiamarla, GIORNATA DELLA DONNA.
ciao Paola

Anonimo ha detto...

Certo chiamiamola GIORNATA DELLA DONNA
ciao Silvana