BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



28 feb 2012

Arrivo in ritardo, chiedo venia.

Finalmente mi sono decisa a ricopiare i miei testi dell'incontro precedente!


Essere gruppo a prescindere.
Se penso al mio primo incontro di scrittura ricordo la sensazione provata d'acchito:"Siamo tutte donne, basta! Non si resisterà."
Adesso, a quattro anni di distanza mi guardo intorno ancora incredula. Siamo tuttora qui, con la voglia di scrivere e di incontrarci. Ognuna di noi ha la propria vita, il proprio carattere, i propri pregi e difetti.
Abbiamo avuto i nostri incidenti di percorso ma siamo riuscite a considerarli con cuore leggero e a rimanere gruppo.
Siamo ancora commosse e frastornate per la perdita di Venanzia ma siamo qui, nel nostro circolo, con le penne in mano, pronte a riprendere il nostro percorso, rinsaldate nel nostro legame sottile ma forte.


Santi e patroni di casa mia.
I miei genitori non erano tutti casa e chiesa ma piuttosto casa e bottega. Tuttavia papà ha avuto per tutta la vita una devozione particolare alla Madonna di Monte Berico e non mancava mai di portarci, almeno una volta l'anno, in pellegrinaggio al Santuario di Vicenza. Credo, riconoscesse alla Madonna,  il fatto di essere uscito dalla guerra indenne e di essere uscito vivo per miracolo da un brutto incidente stradale al Passo della Futa, in Toscana. Andava anche regolarmente a Messa tutte le domeniche.
Mamma, invece, era talmente presa da casa e bottega che, tante volte, preferiva restare tra le mura domestiche per avere un po' di tregua. Anche lei comunque era devota alla Madonna di Monte Berico e devo a lei il nome Maria davanti ad Annita.
Con dei genitori così il mio approccio alla religione fu abbastanza leggero. Ma cambiò totalmente quando cominciai a frequentare la scuola in un Istituto di suore con una visione molto rigida sull'argomento.

3 commenti:

LUISA ha detto...

Grazie Anita ricevuto!

Anonimo ha detto...

Cara Annita,condivido in pieno il tuo pensiero sul nostro gruppo a prescindere.
ciao a tutte Silvana

Marisa ha detto...

Che dire? Descrizione perfetta di un percorso comune. Quanto siamo cresciute durante? Direi molto.
Penso che a Corinna dobbiamo una parte di questo risultato. Ci ha tenute unite con delicata fermezza e ci ha dato un'arma potente contro le nostre ombre e le nostre solitudini. Abbiamo imparato a riconoscerle e a non vergognaci di condividerle e combatterle: l'autobiografia.
Grazie Anita