BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



11 nov 2010

INVISIBILITA'

Quello che le donne non dicono” 
 
Conosco donne, che nell'innamorarsi, nello scegliere un uomo, nel condividerne la vita, si sono vestite di invisibilità.
Donne preparate, professioniste, agguerrite femministe o placide casalinghe,ma tutte donne speciali. Donne che si sono trovate ad affrontare un percorso inusuale, un viaggio fatto di sofferenza, di difficoltà, anche nelle semplici, quotidiane incombenze, che diventano oneri pesanti, un viaggio dalle asperità forse inattese.
Anch'io, in parte,condivido con queste donne questa esperienza.
Con il passare degli anni tutto ha acquistato una dimensione più serena; il processo di accettazione è ancora in cammino, ma ha fatto molta strada…
Non posso però non condividere con loro  emozioni, sensi di colpa, rabbia e tanto altro di questa esperienza che sono stata costretta a vivere e che mi fa essere tuttora incazzata con quello stupido gene che perdendosi ha dato un indirizzo del tutto diverso alle nostre vite, costringendoci a percorrere strade di emozioni, timori e pene inaspettate.
Trovo giusto però che arrivi il momento liberatorio, per una compagna, una sorella,in cui l'invisibilità e il non detto di anni e anni, la partecipazione nel vivere gomito a gomito con questa realtà, l’ansia silenziosa, repressa , esplodano e si trovi il coraggio di dire:" C’ero anch’io, anch’io ho condiviso,l’incertezza, le apprensioni, se non il dolore fisico, io con il cuore c’ero, ci sono sempre stata…e non sempre ero la più forte."
E' impegnativo guardarsi dentro ed ammettere la stanchezza, la difficoltà di sostenere un ruolo che spesso ci trova impreparate , riconoscere che è duro dimostrare sempre padronanza, sicurezza, è più facile smentirsi e continuare a mascherarsi,dietro accettazione, pazienza, comprensione..…
E’ più semplice seguire una fredda conferenza medica in cui vengono esposti dei dati di ricerca o dei risultati di cura, qualcosa insomma di doloroso, ma palpabile, concreto, dove ci vengono dati strumenti per affrontare le situazioni.
Quando si parla di sentimenti è tutto più complicato , per pudore, per cultura ,tendiamo a nasconderci e non è semplice trovare il coraggio di ammettere che è una strada sfiancante da percorrere anche per chi la vive di riflesso. Sopportare ed accettare la sofferenza delle persone care è molto duro.
Riuscire finalmente a parlarne con consapevolezza e senza falsi eroismi uscendo dall'invisibilità è un grande passo. Dare voce a quelle ansie taciute, fingendo sempre una forza e un coraggio che a volte siamo ben lungi dal provare, svuotare il cuore da troppi sensi di colpa inutili, sterili ma che noi donne siamo cosi’ abili nell’alimentare: è terapeutico, è come posare un bagaglio troppo pesante, per riprendere fiato,e ritrovare un ruolo, un'identità, anche in una relazione così inconsapevolmente e inevitabilmente esigente.
E’ quello che queste donne qualche volta dovrebbero dire, ammettere, non per drammatizzare, ma per posare sul piatto della bilancia anche i loro sentimenti, le debolezze, le fatiche.
La mia è un'esperienza di mamma e per me il discorso è molto diverso, un figlio non è altro che… te stessa.. e molto di più, per un figlio non c’è stanchezza, sensi di colpa si, tanti e se a volte mi sono sentita “trasparente” è stata una sensazione fuggevole, trascurabile, di fronte alla realtà che mio figlio era costretto a vivere , ma ammetto : è stato, ed è difficile, molto difficile, non far trasparire la mia ansia , non sempre ci sono riuscita.
A voi sorelle, compagne spetta un compito ancor più impegnativo, io non conosco ricette, posso dirvi solo“posate ogni tanto la maschera, non sarete per questo meno coraggiose !”
Vi abbraccio tutte e grazie di essere.... cosi come siete

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Grazie a te Luisa ciao silvana

Maristella ha detto...

Grazie Luisa mi ha fatto bene leggerti. Mary