BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



02 gen 2010

La me tera, la me contrada...


La me casa, el giardin e in fondo un canceleto,
che se verzea su la stradela longo el fosso,
con un filar de platanari e qualche bel piopeto,
piantè uno dopo l’altro sora el dosso.

In fianco me ricordo du giganti de salgàri,
grossi, alti e pieni de rosse stropeline,
che le servea in primavera a ligar le vegne,
e all’occorenza a ciocarle su le gambine.

E un po’ più in là, vedea a perdita de oci,
na distesa de verde ravazzon coi fiori giali,
el parea un ricamo fato ben, senza pastroci,
un gran prà de tapeti persiani naturali.

I campi i era recintè da grandi e bei moràri
traversè da canalete sbreghè, senza più tondin,
robà par vendarlo come fero vecio ai strazari
dopo la guera, par quietar la fame un pochetin.

E intorno poche case, distanti da la strada,
colme de òmini, de done, véci e buteleti,
alora se voleimo ben tuti, ne la me contrada,
tanto da dividarse el pan, l’acqua e i giornaleti.

Un po’ distante da casa mia gh’era la ceseta
che ghe da el nome a la me contrà :”San Pierin”.
L’èra lì che n’dasea par la stradela da buteleta
in procession a spampinar le rose col zestelin.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ho visto la tua terra, ne ho respirato l'atmosfera così delicatamente descritta.
Sei brava anche con il dialetto cara Lucia.
Un affettuoso grazie da Betty

Anonimo ha detto...

Cara Lucia è molto bella la tua terra e anche la tua contrada
ciao silvana

Anonimo ha detto...

Sai dipingere molto bene anche con le parole e te la cavi pure con il dialetto, brava Lucia
Grazie e un caro augurio di un BUON
ANNO , un bacio Luisa