BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



26 dic 2009

da Reading Natale 2009

Si chiamava Gesù
Fabrizio de André


Venuto da molto lontano
a convertire bestie e gente
non si può dire non sia servito a niente
perché prese la terra per mano
vestito di sabbia e di bianco
alcuni lo dissero santo
per altri ebbe meno virtù
si faceva chiamare Gesù.

Non intendo cantare la gloria
né invocare la grazia e il perdono
di chi penso non fu altri che un uomo
come Dio passato alla storia
ma inumano è pur sempre l'amore
di chi rantola senza rancore
perdonando con l'ultima voce
chi lo uccide fra le braccia di una croce.

E per quelli che l'ebbero odiato
nel getzemani pianse l'addio
come per chi l'adorò come Dio
che gli disse sia sempre lodato
per chi gli portò in dono alla fine
una lacrima o una treccia di spine
accettando ad estremo saluto
la preghiera l'insulto e lo sputo.

E morì come tutti si muore
come tutti cambiando colore
non si può dire non sia servito a molto
perché il male dalla terra non fu tolto
Ebbe forse un po' troppe virtù
ebbe un nome ed un volto: Gesù.
Di Maria dicono fosse il figlio
sulla croce sbiancò come un giglio.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

E'intramontabile!
Grazie Paolo per avercela ricordata.
Buon anno a te e Corinna
Adriana

Anonimo ha detto...

E' un testo molto bello,che quasi conosco a memoria e che amo moltissimo come tante altre canzoni di De Andrè.
A Paolo anche il mio grazie e i miei auguri
Luisa

Lucia ha detto...

Ma questo testo é tratto dal padellone 33 giri dalla "Buona Novella " di De André di tantissimi anni fa ?
Lucia

Anonimo ha detto...

No Lucia non su La buona novella, ma su Fabrizio De André volume 1°,che mi sembra precedente
(ho il 33 giri) Luisa