BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



31 gen 2009

QUELLA VOLTA CHE SUL LAVORO …

QUELLA VOLTA CHE SUL LAVORO …
mi sono sentita: attesa, asfissiata, arrabbiata, ascoltata

L’ultimo anno di scuola, prima della pensione, tra le varie classi ne avevo una particolarmente vivace. Era una classe mista, sia come sesso che come paese di origine: Italia, Cina, Marocco, Ghana, Ucraina, Albania. Tutti allievi/e esuberanti, intelligenti, simpatici e dispettosi.

Pochi avevano voglia di studiare. Si dimenticavano i libri, perdevano le fotocopie, spesso non avevano la penna. Tutti avevano il telefonino.

Quando arrivavo in classe era una baraonda:
Buongiorno Prof …
E’ già qui Prof?
Profeeee … non ho voglia di far niente …
Cosa facciamo oggi Prof?
Posso andare in bagno Prof … me la faccio addosso …
Prof … sono tornata a scuola … è contenta?
Sa cosa mi è successo Prof …
Parlavano tutti insieme a voce alta. Ci voleva del bello e del buono per iniziare la lezione.

Un giorno, entrando in classe, una delle ragazze mi attende con il telefonino per farmi una foto.
Istintivamente mi ritraggo.

All’improvviso tutta la classe si precipita verso di me con il telefonino in mano urlando:
Una foto …
Una foto …
Una foto Prof …
Diciotto mani munite di telefonino sulla mia faccia!
Mi sento mancare l’aria. Panico! Mi arrabbio così tanto che urlo: BASTAAAA!!!

Dalle classi vicine arrivano le colleghe spaventate: ognuna seguita da un codazzo di allievi, incuriositi e vocianti.

I miei allievi, forse, capiscono di aver esagerato:
Perché si è spaventata Prof?
Incredibile. Mi chiedono scusa! Sono degli angioletti!
Fino a quando? Solo per quel giorno, naturalmente!

Nessun commento: