BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



12 gen 2009

BRICIOLE DI RICORDI MAGICI

Spesso in primavera qualche passero faceva il nido sotto le tegole del tetto della nostra casa,
e capitava che qualche piccolo implume cadesse, lo sentivamo pigolare debolmente, oramai conoscevamo il suono e andavamo a cercarlo.
Erano passerotti deboli, con un becco sproporzionato e sempre aperto in cerca del cibo che portava loro la mamma, per salvarli tu papà, li raccoglievi da terra con una delicatezza che contrastava con la tua figura alta, poderosa, con le tue mani dalle dita lunghe, a volte te li accostavi alla guancia, a mo di carezza, quasi a consolarli e chiamavi noi bambini per aiutarti a soccorrerli.
Prendevamo una scatola, del cotone , per cercare di ricreare il nido perso, tu prendevi un po’ di mollica di pane la riducevi in briciole, che mettevi in un piattino con del latte, e con pazienza infinita usando uno stuzzicadenti, cercavi di nutrirli, i primi tentativi non avevano un gran risultato ed io e Franco avevamo paura che non si riuscisse a farli mangiare e morissero.
Ma spesso la tua pazienza veniva premiata e piano piano i cuccioli si irrobustivano e dovevamo mettere un coperchio con i buchi alla scatola per paura che tentassero di volare via, ancora troppo deboli per sopravvivere.
Quando finalmente erano pronti li portavi in cortile e ,quasi lanciandoli in aria ,li aiutavi a spiccare il volo, verso il loro destino, noi ti seguivamo trattenendo il respiro,battendo poi le mani, felici,nel vederli volare, …ma con gli occhi pieni di lacrime…...


Luisa

1 commento:

Anonimo ha detto...

Quanta tenerezza e amore ti ha regalato il tuo papà,con questi piccoli gesti pieni di umanità
che tu rievochi nel tuo bellissimo racconto.Grazie per averceli regalati anche a noi. Lucia