BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



10 dic 2008

VOLEVO FARE LA BALLERINA

Talvolta, nella tarda mattina, accompagnavo il papà al bar vicino a casa. Di solito il premio per una giornata da brava bambina era una spuma dalla tinta vivace, di colore arancio finto.
Solo in casi eccezionali, come la promozione, Natale o S. Lucia, la spuma era accompagnata da un boero incartato con una scoppiettante carta stagnola rossa. Conservavo a lungo e con cura la stagnola nel quaderno di scuola, come un tesoro prezioso e raro e affrontavo il boero succhiandolo con gusto, attenta a non perdere neanche una goccia del liquore zuccherino che copriva la ciliegia.
Avevo sei anni, ero alta, esile e sognavo di fare la ballerina.
Al bar del Memo, sotto gli sguardi compiacenti dei pochi avventori e lo sguardo orgoglioso del mio papà, si ripeteva ogni volta lo stesso rituale:
Memo chiedeva: “Dime qua bela, cossa vuto far da grande?”
Io rispondevo, con un sorriso nell’anima e con gli occhi scintillanti: “La ballerina”.
E il Memo: “Ma va' dai … Sìto almànco bona de balàr?”.
E io, che apposta mi ero messa le pantofole morbide di feltro, mi alzavo sulle punte, allungandomi verso l’alto e librandomi verso futuri quanto ipotetici successi di palcoscenico.
Poi i passaggi degli aerei nel cielo, con lunghe scie bianche che rigavano la valle da est a ovest, si fecero più frequenti ed io, seguendo nuovi sogni e nuove aspirazioni, cominciai a dirottare le mie attenzioni verso nuovi obiettivi.
Fare l'hostes doveva essere proprio un bel mestiere ...!

Marisa

Nessun commento: