BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



22 dic 2008

IL SENSO DI COLPA. MALATTIA FEMMINILE?

E’ solo il rimorso a conficcarsi negli arti come il colpo della strega? Anche la paura ha gli artigli e ti paralizza fino ad immobilizzarti … anche l’indecisione può avere l’effetto di farti sentire fragile ed inerme …
Il peggiore è però il senso di colpa. Assomiglia al rimorso ma è qualcosa di più completo e permanente, che non ti abbandona mai, sempre latente; uno schiacciamento tra quarta e quinta vertebra che ti procura la dolorosa lombosciatalgia dell’anima, dolorino perenne per il quale non bastano i massaggi, le radar terapie e le iniezioni di Voltaren; può alleviarsi ma non scomparire mai.
Ti accompagna costantemente, piegando ogni tanto e improvvisamente la tua anima, come il colpo della strega piega i lombi.
Ero convinta di detenere l’esclusiva di un simile malanno. In realtà, confrontandomi con altre donne, ho scoperto che è una malattia degenerativa di genere; ci spetta di diritto come fare figli.
Il senso di colpa viene da lontano e si trasmette essenzialmente da donna a donna, da madre a figlia.
Qualche uomo ne può essere contagiato (se è particolarmente immunodepresso) ma solo in maniera lieve e transitoria.
Mi dicono che per le giovani ora abbiano trovato un vaccino … come per il papilloma virus. Chissà, speriamo!

Marisa

3 commenti:

In punta di penna ha detto...

Perfetta la tua relazione sul perfido senso di colpa e spero che in tante si proteggano con una giusta dose di vacino, ma e gli effetti collaterali? Mary

In punta di penna ha detto...

Parlando proprio ieri sera con mia figlia, mi raccontava dei suoi sensi di colpa nei confronti della piccola Emma, "lavoro solo mezza giornata, ma mi sembra di trascurarla, vorrei stare di più con lei...". Io vista, la mai esperienza e l'età ho cercato di rassicurala e spiegarle che è giusto ciò che sta facendo, che la bambina cresce ed è serena ecc. ecc., ma ho capito che il senso di colpa è ereditario e recidivo e credo resistente a qualsiasi vaccino.
Un abbraccio, Betty

Anonimo ha detto...

Il senso di colpa é li conficcato e sensibile dentro di noi, nel DNA femminile, non serve ignorarlo.
Meglio parlarne e riderne se possibile... e perdonarci.
Un abbraccio, Lucia