BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



10 nov 2008

PER TUTTE NOI MAMME INPUNTADIPENNA

Com’è dolce e crudele a volte l’essere mamma!
Sentirsi trasformata in una dea nel momento in cui diamo la vita, vivere del loro respiro, capaci di leggere dietro falsi sorrisi, delusioni e dolori di cui non possiamo farci carico, mettere a tacere il cuore per rispettare scelte non condivise e poi sentire il distacco come una ferita, che pian piano lacera qualcosa dentro….
Essere mamma e vivere un sentimento cosi viscerale ed unico con la consapevolezza che saremo per poco il centro del loro universo, saperlo e con la ragione capirlo, accettarlo, ma con il cuore..
Con il cuore è tutto un altro discorso!!
Però siamo noi che li aiutiamo a sciogliere i nodi invisibili di quel filo che li tiene legati e a spiccare così il volo, verso il futuro, verso la loro vita…
Ma poi, lentamente, riprendendo altri fili ,tessendo nuove storie,nuove passioni, la ragione si fa largo e si apprezzano spazi, ordine, anche qualche sano silenzio, dove la mente può navigare verso altre isole, scoperte oggi, o ritrovate, emerse dal passato,
Eppur quel filo come bava invisibile rimane saldissimo e avvinghiato alle loro vite, silenzioso, sempre in attesa.
Riprendiamo il viaggio, solo con panorami nuovi, con pause e attese diverse.
Ma quante donne in una soltanto…
Dalla primavera all’autunno della vita ,la nostra storia è fatta di banali incombenze,
grandi illusioni, amori e sogni, che ci permettono però a volte di “volare” oltre la barriera del quotidiano che incombe, colorando i giorni.
Mi piace pensare che il nostro percorso interiore sia come il mare, in continuo movimento, all’alba ha accarezzato sinuoso rive sabbiose, infrangendosi poi in tumulto su scogli aguzzi al sole accecante del meriggio, trovando a sera riparo in anfratti nascosti e oscuri , per ondeggiare ora dolcemente e pigramente al ritmo della risacca.
Quante donne!!
Amiche, figlie, compagne, amanti e madri.. madri per sempre.


Luisa

6 commenti:

In punta di penna ha detto...

Luisa, è uno scritto splendido! Da qualche anno a questa parte ho dovuto accettare come madre di esercitare quello che tu chiami un "sano silenzio". E' il tuo un prezioso consiglio per chi prova ad essere madre malgrado tutto: le decisioni drastiche, i cambiamenti di umore, le scelte difficili ... Metteteci voi tutte le variabili di una relazione complessa come quella tra madre e figlio (o figlia) Grazie Marisa

In punta di penna ha detto...

Cara Luisa non potevi descrivere meglio di così l'essere madre.
Quel filo invisibile che ci lega é
forte,tenace,eterno. Condivido tutto quanto hai scritto. Grazie,
ti abbraccio con affetto Lucia

In punta di penna ha detto...

Cara amica, il tuo scritto è bello e commovente.
Anch'io davanti alle metamorfosi di mia figlia, ad alcune sue ribellioni, alle sue decisioni spesso impulsive e drastiche, mi sono trovata in bilico fra sentimenti contrastanti.
Ma come scrivi tu il cuore resta sempre disponibile, anche se alcune ferite non cicatrizzano mai.
Ora tu sai che io non vivo un periodo pigro e la risacca non mi culla dolcemente. Vivo comunque un momento denso di azzurro, turchese e ricco di meravigliose trasparenze. Arcobaleni sgargianti colorano la superficie dell'acqua rendendo l'atmosfera magica, qualche ondata a volte mi travolge, ma recupero in fretta e l'azzurro nuovamente mi abbraccia.
Grazie. Ti stringo forte, Betty.

In punta di penna ha detto...

Si è proprio così e tu hai saputo dirlo magistralmente, non ho più parole. Brava un abbraccio Mary

Anonimo ha detto...

ciao luisa mi hai commosso hai centrato in pieno essere madre un bacio daniela

GIOVANNA ha detto...

Quante verità tra le tue righe.
Penso che questo nostro sentire sia bagaglio di tutte noi: madri, figlie, sorelle, nonne, compagne, amiche, forse semplicemente donne.
Bello il nostro volare,
sereno,ora, il nostro planare,
sempre pronte a ricominciare.
Buon viaggio a tutte noi
Giovanna