BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



30 nov 2008

COSA HO COMPRATO CON IL MIO PRIMO STIPENDIO?

Faccio fatica a ricordare il mio primo stipendio, ero ancora una ragazzina che lavorava saltuariamente per pagarsi l’inutile: un cinema, una gonna, un ombretto …
Mi è difficile considerare quelle mance come uno stipendio, quello che ti dà dignità, ti dà la speranza di future autonomie, ti fa intravedere il concretizzarsi di sogni.
Il primo vero rapporto di lavoro l’ho avuto in un prestigioso istituto religioso di Borgo Trento e quindi devo considerare questo rapporto annuale continuativo come quello in cui si può parlare di stipendio mensile.
Ricevevo un compenso di 22.000 lire per sette ore di lavoro. Una cifra ridicola anche per quel tempo,tuttavia l’incarico di insegnante mi consentiva di sommare il punteggio per avanzare nelle graduatorie pubbliche, perciò non potevo fare la difficile; avrebbero trovato altre venti insegnanti disposte a prendere il mio posto.
Con lo stipendio dovevo prima di tutto fare l’abbonamento all’autobus. Dedotta questa spesa gli altri soldi erano a mia disposizione. Duravano poco perché usavo lo stipendio come in precedenza avevo usato le mance: per l’inutile.
Beh, per una diciannovenne vestiti, cosmetici e divertimenti non si annoverano tra il superfluo bensì tra l’indispensabile a condurre una vita decente, anche se allora i capricci erano pochi e i divertimenti erano esigui.
Capirai … con 22.000 lire che spasso!
Ma io sono stata fortunata; le altre mie colleghe dovevano invece consegnare tutto alla famiglia.

Marisa

Nessun commento: