BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



17 giu 2008

A MUOVERMI

Io a palla giocavo adattando i gesti e il lancio contro il muro al ritmo di alcune filastrocche:

Ino pino aio paio
ho perduto la scarpetta
ed il bravo calzolaio
me ne cuce un altro paio
Ino pino aio paio

Oppure cantavo questa poesia; risultava difficile ed impegnativa per i movimenti che richiedevano un buon coordinamento e molta destrezza:

Rinoceronte
che passa sotto il ponte
che salta e che balla
che gioca alla palla
che sta sull'attenti
che fa i complimenti
che dice buongiorno
girandomi intorno
gira rigira
la testa mi gira
non ne posso più
palla pallina cadi qui giù
cadi qui giù
cadi qui giù.

L'altra filastrocca, che ho sentito anche da Ivana nei suoi racconti al Circolo, dice:

A muovermi
Senza muovermi
A ridere
Senza ridere
Con un piede
Con una mano
A battere
Zigo zago
Tocco veste
Tocco terra
La ritocco
Violino
Bacino
Cuore
Angeli
Arcangeli
Paradiso
Ghisa



Ciao Marisa

2 commenti:

In punta di penna ha detto...

Sono bellissime !
quasi da provare invidia !
ciao, Lucia

In punta di penna ha detto...

Bellissime le filastrocche-cantilene che usavi Marisa!Credo che il gioco con la palla sia stato un po' la passione di tutte/i noi bambine/i di quel periodo.Mi chiedo come mai i bambini odierni lo usino così poco...a parte il calcio naturalmente o giochi strutturati e non liberi come i nostri.Forse la risposta la conosco ma proviamoci lo stesso a tramandare loro i nostri giochi tradizionali.
Un abbraccio Adriana