BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



30 apr 2008

IL PONTE

Fantastico questo ponte del primo Maggio
è davvero un' occasione eccezionale
per "scappare".
C'è chi va al mare
chi in montagna
chi in Spagna.
Io però amo così tanto la mia città,
"ma proprio tanto",
che ho deciso: lo trascorro qua,
me andrò a passeggio in Brà.
Ma un ponte anch'io voglio attraversare...
credo che quello di Castel Vecchio
sia sempre speciale.

Betty

P.S.Perdonate la facile battuta, ma per "elaborare"la sofferenza di restare,
qualcosa mi dovevo inventare.
E buon ponte a tutte.

28 apr 2008

Il cuore non è

...Il cuore non è solo quello a sinistra.
Il cuore è ovunque.
Anche a destra.
Va anche sotto.
Ma poi si rialza.
E avanza.
Perchè non sa tornare indietro.

Andrea Ingrosso

(Betty)

26 apr 2008

Buon 25 APRILE da Corinna

E ORA TOCCA A VOI BATTERVI
gioventu' del mondo;
siate intransigenti
sul dovere di amare.
Ridete di coloro
che vi parleranno di prudenza,
di convenienza,
che vi consiglieranno
di mantenere
il giusto equilibrio.

La piu' grande
disgrazia che vi possa capitare
e' di non essere utili a nessuno,
e che la vostra vita
non serva
a niente.

Raoul Follereau

24 apr 2008

A Betty

Oh profumata rosa
seppur spinosa
fai la sciantosa
e poi la scontrosa..
La sai una cosa ?
Che tu scriva in versi
oppure in prosa
per me sei deliziosa.

Lucia

23 apr 2008

LEGGERA

Oggi sono leggera
non sento grandi pesi
nè dentro di me
nè sulle spalle.
Solo respiro e pensieri lievi
accarezzati da un vento amico

E onde morbide e bianche
che non si infrangono a riva.
Oggi sono leggera.
Aspetto un tramonto
e una luna tonda.
Niente di più.

Betty


E poi mi scappa la filastrocca...

Al blog

Sul blog si "gioca" con le nostre parole, i nostri sogni ed i nostri pensieri,
quelli più veri.
Così dato che i bei momenti trascorsi non si posson dimenticare,
il blog ci offre l'opportunità di ricordare.
Ed io che son semplice cosa, spesso tra di voi mi son sentita un pò una rosa.
Certo le spine non le perdo, non son la rosa del deserto.
Ora che la mia sciocchezza l'ho scritta, riprendo la via dritta,
sapendo che quando ho voglia di deviare, sul blog con voi posso "giocare".

22 apr 2008

per un single affamato

Ho scritto la mia prima filastrocca per un amico che lamentava scarsità di cibo ma, in realtà, .. poco volonteroso!


Per l' amico single affamato,

nato o.. forzato,

un rimedio ho pensato:

di Artusi lettura appassionata,

qualche esperienza magari mal-andata

ed infine..

pietanza preparata.
(semplice, no?)

anita

sf..ortuna!

Carissime, sono proprio in un momento di sf..ortuna! Sto perdendo opportunità di fare cose che mi piacciono e che da anni avevo voglia di fare liberamente, senza altre preoccupazioni. Ringrazio tutte perchè mi siete state vicine come vecchie amiche e mi avete tenuto alto il morale. Spero di stare meglio e di poter essere all'incontro di giovedì 24. Un abbraccio a tutte.

anita

p.s. avete scritto cose bellissime, siete sempre + in forma!

21 apr 2008

19 apr 2008

Si parlava di distanza

Per misurare la distanza "pratica" è utile il metro, per quel che riguarda le distanze dal cuore devo passare attraverso la ragione e di essa non abbondo...Ma pian piano con buona volontà e un pò di sacrificio, inizio ad apprezzarne anche alcuni innegabili vantaggi.
Ma sì, tutto sommato il metro è utile anche per il cuore.

Betty

17 apr 2008

DISTANZA

DISTANZA

Nella distanza ti ho rivisto
persona a me nuova

Nei silenzi senza te
tu sei presente come mai

E il vuoto nei miei sensi
è diventato incolmabile

Nella distanza ancora e
ancora fatalmente ti amo.

Maristella

15 apr 2008

invito di Silvana a Mezzane

Carissime,
vi scrivo a nome di Silvana che ha ancora qualche problema di collegamento Internet.
Lei ci propone di trascorrere una giornata rilassante tra gli ulivi, a Mezzane. Lì, sarà possibile utilizzare un fornello per cucinare una pastasciutta, il resto si può portare da casa.
Silvana ci propone le seguenti date:
sabato 10 maggio
sabato 24 maggio
domenica 25 maggio
Partenza da Montorio verso le ore 11, piazza Buccari
Per le adesioni e eventuali proposte organizzative tel a Silvana: 045/557552 3460154760

Un abbraccio a voi tutte Adriana

12 apr 2008

NEBBIA PERSISTENTE

Care amiche vi scrivo, cosi' mi distraggo un pò,
e poichè sono molto triste, almeno mi sfogo un pò.
Il TAR ha respinto la sospensione dell'ordinanza del comune di VR per il circolo ARCIMONTORIO; il nostro problema è molto grande, stiamo valutando il da farsi.
Chiedo a tutte voi di farvi venire delle idee per riuscire a organizzare delle serate, potrebbe essere ogni 15 giorni, con delle tematiche (presentazione di un libro letto, serate per conoscere l'autore e .......) aperte a tutti i soci e con la possibilità di cenare insieme (si può studiare un menù a prezzo contenuto).
Si potrebbe anche continuare a scrivere sul tema proposto.
Spero che questo periodo logorante abbia una fine.
Sono abbattuta, piegata, non ancora distrutta.
Vi ho rattristato abbastanza, pensiamo positivo chissà che la ragionevolezza arrivi.
Un bacio a tutte
Giovanna

11 apr 2008

UNA SERATA ASSIEME

Carissime amiche,da parecchio non scrivo, ma ho avuto qualche difficoltà tecnica.
Vi leggo costantemente, aprire il nostro blog ogni mattina è diventata un'abitudine, perciò dopo colazione vi leggo e ovviamente penso alla nostra "avventura".
Se decidete di andare a teatro da Nunzia il venerdi', sarò con voi, felice di ritrovarvi e trascorrere una serata assieme,
un caro abbraccio a tutte
Luisa,

10 apr 2008

TRALICCI -Divagazioni di viaggio

Fili di energia
che avvolgono la terra.
Scheletri di una società
altrimenti spenta.
Pentagrammi
su cui il vento scrive musiche
riposando le rondini di mare.


Marisa

08 apr 2008

IL PIACERE DI LEGGERVI


Carissime
Ad alcune di voi ho scritto, ad altre forse no ma solo a causa di un indirizzario incompleto. Me ne scuso.
L'Andalusia ha fatto vittime ... Lucia ed io ce ne siamo perdutamente innamorate. Tuttavia al ritorno il primo pensiero è stato per il blog; un grande desiderio di leggervi che è stato ricompensato da tanti scritti.
Che piacere ritrovarvi!
Un abbraccio Marisa

07 apr 2008

ANCORA PENSIERI

Pensieri erranti,
vagabondi, curiosi
cercano spazi
tra meandri
di giornate incolori.

Guardano, scoprono,
si colorano, si adagiano
per poi tornare a fluttuare
in armonia o,
schiacciando, il mio io.

Li posso toccare
farmi coccolare
riprendere o rilanciare:

sono corpo
sono essenza
sono vivi
sono evanescenti.

Hanno il colore
di.....mille colori,
hanno la forza
di passato, presente, futuro.

Sono diversi da ieri
sono presenti e già andati.

Cercano il domani
mai sazi e mai uguali.

Mi fermo ad ascoltarli,
li sento cullarmi,
mi proteggo dal loro impeto,
li accompagno nel loro vagare;

nuova Penelope errante
stretta nella sua Itaca

Giovanna

L'acqua dei sogni (Annamaria)

Acqua che scorre nel fiume
a volte liscia e lucente come specchio
a volte ribollente come in un calderone.

Io sono sull'acqua lucente,
affondo,
riemergo in quella spumeggiante.

Sono ricoperta da mille gocce d'acqua,
inondata da luci e colori
riflessi dal sole.

Mi muovo sempre più velocemente,
i colori si impastano,
mille forme colorate emergono dall'acqua.

Immagini d'acqua evaporano,
salgono nell'aria,
dipingono la nostra vita!

VI CHIEDO SCUSA

Mi scuso con tutte voi per aver contribuito con il mio commento al pensiero anonimo, nel diffondere disagio.Sono stata istintiva ed infantile, questo mi rendo, conto è un mio grave limite.
Vi abbraccio tutte con tutto il mio cuore, un pò pavido, ma pur sempre un cuore.
Con tanto affetto ,Betty.

A PROPOSITO DI MILANO

Milano

Eppure quella estraneità fisica
quasi irreffrattaria a miei passi,
indolente ritrosia,
vergogna che hai di darti
come fanno ben altre città,
solari e un po' puttane;
quell'assenza di suoni alle parole
il bavaglio grigio del cielo profondo,
incavo di una notte polare.
Eppure quella maestosità tragica della notte
che fa irriconoscibili, svaporate,
indistinte le persone;
quella bruttezza gotica di guglie incolori,
lunghe e lontano stridenti
perchè tutto è ferro qui,
dai tram ai sorrisi.
Eppure quel tempo che ha nome e cognome
e si presenta cocciuto e mi telefona
e lascia messaggi
perchè io non dimentichi mai,
mai mi azzardi a dimenticare.
Eppure quella malinconia che ti distingue,
senza sfogo ne uscita,
attica come il bosco di Colono
dove si perde il vecchio incosciente
di sè se non del male.
E' mia.
E a leggere senz'occhi
il futuro ha questa luce serenante e infinita.

Roberto Vecchioni


Finalmente ,dopo vari tentativi, sono riuscita a riscrivere,
ciao a tutte Luisa

06 apr 2008

Arte e menzogne di J.Winterson

Ciò che si limita a vivere può solo morire...
Quando tutti parlano la stessa lingua il poeta non ha più parole. Il linguaggio si arricchisce se viene nutrito dalla differenza. Dove non c'è differenza non c'è ricchezza. Non c'è distinzione fra i morti...
Il mondo è un ossario stipato di morti. I morti non hanno bisogno di parole, non hanno desideri che l'appetito non possa soddisfare...Sono contenti delle loro parole morte. Le parole che non possono uccidere le possono sempre ignorare.La parola non detta e inascoltata...La parola che precedeva i principi, la parola del potere,della Bibbia e della Legge. La parola che nobilita, capace di eleggere una bocca poeta.
Parole fragili sfinite dal troppo uso. Parole oscene moderate dalla ripetizione. Parole incantevoli e incantate, rotta ormai la bacchetta magica. Parole dello spirito costrette nella carne...Questo è il lascito dei morti...
(liberamente tratto da J.Winterson)
CIAO ADRIANA

L'arte delle donne

Milano,visione paradisiaca del Duomo e la condivisione con voi di una giornata di cultura, relax, gioia e riflessioni profonde.
Da Artemisia Gentileschi a Rosalba Carriera, da Frida Kalos (si scrive così?)a Marianne Werefkin, da Vanessa Bell a Lalla Romano tutte artiste dalla vita tormentata e dalle opere affascinanti nella loro unicità e diversità.
Una mostra di donne per le donne.
E noi alla ricerca du temps perdu e del bar Linos dove gustare degli ottimi caffè alla cannella, mandorla, panna...
Grazie ancora a voi tutte di esserci e di sapermi stimolare,aspettare e accettare nell'intraprendere nuovi voli. Un abbraccio Adriana

Mostra a MIlano

La Mostra a MIlano dell'Arte delle Donne è stata veramente bella ed interessante. Quante donne bravissime hanno prodotto dei capolavori, quasi sempre sottovalutate in questo mondo maschilista.
Che bello il Duomo di Milano dopo la pulizia ,è splendido; soprattutto visto dalla terrazza della Rinascente: le sue guglie che vanno verso il cielo sembrano ancora più alte.
Mi ha fatto piacere trscorrere la bella giornata assieme a voi amiche di penna, mi spiace solamente che non eravamo tutte.
Mando a tutte voi un caro saluto, ciao ciao Paola

04 apr 2008

Allarme

Mi mancano i vostri scritti, soffro di astinenza,su,su svegliatevi, scrivete qualcosa, mi sento sola... Corinna Mandaci le tue sollecitazioni, inviti gentili, parole magiche che ridestano cuore e spirito e la voglia di condivisione. Un abbraccio a tutte e scrivete per voi, per me, per tutte. Maristella

01 apr 2008

chiave

RIVOGLIO LA MIA CHIAVE!
Voglio ritrovare la mia chiave perduta, chissà dove e quando, dentro i giorni di un’infanzia assai combattuta. E’ quella utile, anzi indispensabile, per accedere al mio Eden incantato.
Lì voglio raccogliere fiori, piante medicinali, respirare profumi, balsami per curare l’anima mia e ritrovare felicità e armonia.
Vorrei, ma che dico, voglio riconquistare quella chiave personale e ritornare a vivere fino in fondo la magia di una vita mia, solo mia, da artefice davvero consapevole di un tempo questo, zeppo di opportunità.
Faccio in modo che sia non da domani o da oggi, ma da questo attimo in poi e con forza, coraggio e volontà accetto le sfide di una o mille possibilità.
Per combattere se occorre, eccome se occorrerà, ma per vincere all’infinito gioco della vita con amore e lealtà.
Maristella

UN PASSPARTOUT
La chiave del sapere, del conoscere, del volere è un passpartout con il quale posso aprire mille porte su mondi sconosciuti. Posso affacciarmi, spiare e andarmene, ma posso anche entrare osservare, capire quel che succede in quel mondo nuovo e scegliere se viverlo appieno e diventarne parte.
E’ una chiave che una volta usata può stravolgere la mia vita, dipenderà. Dipenderà da me, dall’uso che ne farò, da quanto tempo investirò con il coraggio e la volontà di chi va alla scoperta di quanto, vizi e virtù è ancora sconosciuto, nascosto alla mia coscienza di donna sempre in viaggio.
Arriva la primavera chiave che apre la porta alla rinascita e con essa, come polline i pensieri rivivono e volano, diventano embrioni seminati su nuovi paesaggi di conquista.
Chiavi che non vedo, non tocco, vivono sospese nell’aria del rinnovamento perpetuo che respiro, che passa e ripassa, poi fugge quando per tutto sarà troppo tardi; chiavi da vivere da afferrare al volo con il cuore aperto, senza chiedere garanzia alcuna, ma sempre pronta a raccogliere ciò che di buono tra le mani mi rimane.
Maristella

sono tornata

Sono stata via fisicamente (da Verona) e dallo strumento(il mio portatile) per un bel po'.
Mi accorgo di aver perso non qualcosa, ma molto, se non capisco bene cosa stia succedendo da quanto leggo nel blog.
Cercherò di correre ai ripari contattandovi. Un abbraccio a tutte
laura