BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



27 feb 2008

IN MEMORIA DI UN’AMICA

C’è un giardino segreto tra i carpini
le roverelle e i biancospini
Ulivi sterili
segnano ancora il confine,
laggiù, verso valle.
Edere rigogliose e muschi
ricoprono i mucchi di pietre
e piccoli fiori gialli
illuminano le ombre.

Il giardino rinchiude sogni
sulla scia di azzurre farfalle
Nasconde passioni
coperte gentilmente dalle foglie cadute.
Il giardino è rifugio di anime morte
posate sui rami tra i merli e i passeri.

E’ bello il mio giardino segreto
Ci vado per scappare dal dolore
e coccolo le violacciocche,
accarezzo i tulipani, i lisiantus,
e i fiori gialli senza nome,
raddrizzo lo stelo alle margherite
e parlo con le anime.
Un monologo.

Loro abitano nel mio giardino segreto
ma non rispondono più.
Per loro parlano i ricordi, e ciò non mi basta,
ma almeno mi consola.


5 febbraio 2008

Marisa

25 feb 2008

AUGURI ANONIMI

Donne la meta si avvicina a grandi passi, siamo pronte?
Quest'anno la faccenda si fa impegnativa, noi siamo in "fibrillazione".
Vogliamo farci un grandioso in bocca al lupo? (crepi)
E un elegante : In c...o alla balena !


Noblesse oblige........

24 feb 2008

MEMORIA DISORDINATA

Disordinata memoria che affastelli i ricordi. Non so, non capisco dove essi abitino, da che parte arrivino. Spesso si presentano sotto forme diverse.
Abitano in un angolo del cuore, quando giungono come flash i frammenti rievocati da un odore, un sapore, una parola?
Nello stomaco?
Certo che questi mi colpiscono così forte e mi trovano sempre impreparata.
Nel cervello?
E qui divento razionale, cerco giustificazioni e risposte dove non ne esistono.
Memoria disordinata, amica e nemica, compagna che si arrichisce ogni giorno, che accumula per costruire il presente... e che spesso quando la mente, così intrisa di immagini ed emozioni, è occupata a giocare al gambero, sfugge al presente perdendo il contatto con la realtà.
Memoria disordinata, quando si parla e si scrive di te, sei la dimostrazione degli anni che passano.
Consolazione quindi alla giovinezza che fugge?
Betty

Un pensiero per te

Evidentemente stavolta la sollecitazione(o stimolazione) è venuta da te carissima amica mia,continua con i tuoi entusiasmi e la tua fantasia a regalarmi stimoli nuovi, a lanciarmi funi a cui aggrapparmi per cercare un appiglio e dar sfogo a pensieri nascosti o creduti persi, dimenticati, continua a regalarmi la voglia di inventare sempre "qualcosa" di nuovo, inaspettato e questo mio ,nostro, tempo sarà ogni giorno
frizzante ,giocoso e lo stare assieme...gioioso Un abbraccio L.

17 feb 2008

MARE E CIELO

Giugno 2007


Mare e cielo si confondono nella linea piatta.
Mare e cielo nell'infinito finito dei miei giorni.
Mare e cielo nei confini dei miei pensieri
senza confini,
che vagano esitando alati e sfuggenti
e volano verso tormenti lontani,
pronti ad afferrare l'onda
e a rincorrere vane illusioni.

INNAMORAMENTO

Mille battiti di ali di farfalla nel cuore.
Aneliti all'ombra di un estivo sole.
Una luce nuova ed intensa
negli occhi.
Trepide attese di speranze
scolpite come certezze,
si stagliano su un orizzonte
che ora è solo sconfinato stupore.

Betty

QUESTO TEMPO

Questo tempo,
inaspettata primavera
dove germogliano semi
di un'altra stagione.

Questo tempo un po' pigro,
dove la mente gioca,
con parole che si rincorrono,
cercando il loro posto.
Dove i pensieri si voltano indietro
e inseguono
notti ed albe lontane.
Dove i dolori sono specchi ,
che si riflettono all'infinito.

Questo tempo,
assonnato,
lento,
spesso confuso
ma che sa ancora stupire.

Questo tempo,
finalmente egoista,
che annaspa
per galleggiare sul presente,
sospeso sulla realtà.

Questo tempo....è il mio tempo!

Luisa

QUESTO TirannoEstraneoMaceratoPenetranteOssessivo

Questo tempo malandrino
corre, schiaccia, invade
mi fà star male un casino.

Giornate grigie mi avvolgono
sciabordii di tensioni mi comprimono
muri di gomma senza uscite mi circondano.

Rimbalzano i miei pensieri
acciacati, stanchi, talvolta smarriti
senza ossigeno per rigenerarsi.

Tempo mi sfuggi,
non sei più mio,
come un estraneo cammini al mio fianco,
invadendo i miei spazi
offuscando i miei pensieri
limitando il mio mondo.

Vorrei che il vento di tramontana
ti portasse via;
vorrei scappare dal tuo vortice;

VORREI, VORREI, VORREI.......

Camminare al tuo fianco
padrona di me e amica di te,
colorarti di pensieri,
impregnarti di emozioni,
fluttuare con te, su nuovi sentieri.

Tornerà il mio tempo:
lo riconoscerò, lo riconquisterò
e, con lui complice,
domani sarò.

Giovanna

15 feb 2008

Perchè scrivere

P E R C H E'

S covare
C unicoli
R econditi
I ncontrando
V ecchie
E mozioni
R egalandoci
E nergia E ssenza E vasione

GIOVANNA

13 feb 2008

A Giovanna

Viva e energica, impegnata e positiva, intraprendente e organizzatrice.
Con un'incrollabile voglia di fare, propositiva, altruista e sensibile, amabile signora di Montorio, la "Giovanna d'Arco" dei nostri tempi.
Giovanna, sei tra le madri fondatrici dell'Arcimontorio e hai contribuito alla nascita di questo gruppo di "scrittrici in erba".
La tua sembra una storia d'amore a lieto fine: amore per il tuo borgo natìo, amore per Giovanni che hai raggiunto giovanissima in Sicilia per poi condurlo fin quassù.
Amore per i tuoi figli, per la tua mamma mantovana che encomiabilmente tieni accanto a te.
E, infine amore per la cultura, la politica, lo stare insieme in modo intelligente e solidale.
Giovanna, hai avuto il coraggio di combattere, mettendo in discussione lo strapotere sociosubculturale della destra in questa zona ed è, grazie a persone socialmente impegnate come te, che si può ancora credere in un futuro migliore e dire a gran voce:"Grazie di esistere!".
Adriana

12 feb 2008

VORREI

VORREI

Vorrei invecchiare
continuando
ad amare

Che la quotidianità
non uccidesse
la novità

e

Che con l’invecchiamento
permanesse
l’innamoramento

Vorrei
col passar dell’età
cambiar vestito
all’amore
senza stingerne
il colore

laura
ARCOBALENI

Limpido lo scorrere veloce dell'acqua.
Zampilla cascante e si sparge al sole
in mille rifrangenze colorate.

Arcobaleni, sentore di gioia.
L'amore ci abbaglia
come vento bizzarro,
regalandoci quell'attimo di eternità,
che poi cambia nel suo divenire.

Betty

04 feb 2008

LETTERA A GIULIA

Sei partita per un breve viaggio, carica di entusiasmo, gioia, aspettative.
E’ bello vederti felice, pronta ad aprirti a nuove avventure, ad assaporare
nuove emozioni, ad incontrare persone, luoghi sconosciuti, a crescere.
La tua solarità ti accompagna, la tua esuberanza costruisca ponti con chi vuoi incontrare, la tua fantasia colori le tue giornate.
Vivi la vita con gioia e se ti capiterà di inciampare, rialzati e riparti.
Questo breve viaggio è l’inizio del tuo cammino.
Quanti sogni, speranze, fantasie ti appartengono.
I tuoi sedici anni si circondano del tuo mondo magico, sognante, avventuroso, ingenuo.
I tuoi sogni mi fanno tanta tenerezza e ti auguro che la tua caparbietà ti aiuti a realizzarli.
Cerca di sognare sempre, ma di vivere la vita pienamente, ponendoti delle mete.
Se talvolta ti sentirai delusa o sconfitta, ricordati chi sei, come ti vedono le persone che ti vogliono bene, il tuo nome di totem: “scoiattolo solare” e
riparti con un nuovo balzo.
Rammenta sempre che il pensare autonomamente è il nostro grande privilegio e che tutti i miti, sono innanzitutto prima persone.
Goditi la tua età con allegria e spensieratezza, ma cerca sempre di costruire un mondo migliore e la tua felicità sarà piu’ grande se anche gli altri saranno felici.
Ti voglio bene



La tua mamma,Giovanna

L'insegnamento libero

Sentendo parlare
d'una società senza classi
il fanciullo sogna
un mondo che marina la scuola.
Ed è con benevola indifferenza
che sorride
quando il professore di Viva la Francia
lo informa che è l'ultimo della classe.
E quando lo stesso educatore
gli predica il suo grande Credito-Credo
il ragazzo non comprende un solo predicato
a tutte le sue omelie melodrammatiche
e non presta alcuna attenzione
a tutta questa Edificazione.
E apprende con un sorriso
che oltre che nella Storia di Francia
è l'ultimo degli ultimi
anche al Catechismo della Perseveranza.
Dovreste vergognarvi
gli dice il Mortificatore
Perché dovrei vergognarmi
dice il ragazzo
Non mi avete detto voi stesso
or non è molto
Gli ultimi saranno i primi
Allora aspetto.

Jacques Prévert

CANDORE

Candore è pensare
a un mondo migliore
dove l’amore non sia piu’
solo un fatto ad ore.

Candore è dolore….bagliore:
un bianco telo steso a coprire
una coltre bianca stesa a stupire.

Bagliore è un raggio di luce
inebriante ed avvolgente
che ci fa’ guardare al domani
ancora con stupore.

Candore è questo tempo
che ci rimette in gioco,
con amore, passione,
ardore, timore.

Candore è il domani
che si colora di nuove emozioni
e ci aiuterà a domare
il nostro passato e futuro dolore.


Giovanna

AUTOBLOGGARSI

Abbiamo passato un delizioso pomeriggio leggendo versi,racconti, filastrocche delle nostre compagne di penna, Silvana si sta impegnando per poter bloggarsi autonomamente..
Per ora lo facciamo gioiosamente e giocosamente ASSIEME
Un abbraccio a tutte a stasera
Silvana e Luisa

02 feb 2008

Il mio tempo

Luglio 2007

Il mio tempo senza tempo
scorre nei confini di binari
non sempre paralleli,
sferraglia, rallenta, indietrggia,
il mio tempo senza tempo.
Si ferma e resta immoto,
giace e riposa
al ritmo di cicale,
di frusciare d'erba,
di lenti voli del pensiero
su interni in ombra.
Il mio tempo senza tempo
trova tempo per riflettere,
per spaziare,
unire e ricucire trame.
Stupirsi di giochi e intrecci
che improvvisamente,
magicamente,
io piccolo nulla,
mi trovo a vivere.
Per la prima volta posso parlare
di sogno reale?
Non oso pronunciarmi,
vivo ora questo mio tempo
senza tempo
partecipe e spettatrice incredula...
circondata però
da consapevole delizia.

Betty