BENVENUTE

Ciao a tutte,
Benvenute nel blog "inpuntadipenna2007"
Questa iniziativa ci offre ulteriori occasioni
di scrittura e di scambio di relazioni.
Una volta in più avremo così modo di stare insieme,
di condividere interessi ed esperienze.
Un contributo di crescita ed amicizia per il nostro
gruppo di scrittura molto speciale.
Che un buon demone ci accompagni.
Corinna



18 gen 2008

IL MIO CUORE



Non penso mai a te come al muscolo che con il suo pulsare, mi fa vivere…
No, penso a te come depositario dei miei affetti,luogo dove
Si rifugia l’amore,se pur l’amore scorre nelle vene, è nello sguardo,
è nelle mani,sulla bocca,nel respiro,nello stomaco,tu per me ne sei sempre stato il custode.
Custode pure del dolore,la rabbia,l’inganno,sempre gonfio di confuse emozioni
nel percorrere la strada accidentata della mia vita.

Ma quanti battiti furiosi assordanti,quanto lavoro ti ho dato!!
Non sei stato fortunato a capitare nel mio petto,avresti potuto pulsare con ritmo tranquillo,
affrontare giorni di pacata noia, invecchiare con serenità,ma non te l’ho permesso,
la mia vita non l’ha permesso E tu eri pronto per tutto questo?

Luisa

1 commento:

In punta di penna ha detto...

Ciao. Sono il tuo cuore... e sento la voglia di dirti che sono stato proprio fortunato a capitare a casa tua! Ma chi li vuole "una pacata noia"?, "un ritmo tranquillo"!?. Non cambierei un giorno di quelli trascorsi nel tuo petto con mille di quelli di pacate noie e ritmi tranquilli... No, cara Luisa. Non ce l'avrei proprio fatta... La pacata noia, anche se a volte sembra una agognata chimera, è solo una nebbiosa parvenza di vita. E non stanca certo di meno. Di sicuro annoia di più. Ma tu sai quante emozioni mi hai regalato? Quanta vita e quanta energia ho tratto dal percorrere con te questa strada accidentata su cui abbiamo camminato insieme! No, cara Luisa, non volevo proprio annoiarmi quando sono nato, perchè, sai, un cuore annoiato è un cuore molto triste, molto spento, senza ricordi, senza immaginazione, insomma senza vita. E che speranza ha un cuore senza vita? Che cosa può aspettarsi un cuore che non batte o che batte con monotona regolarità? Solo di finire sul tavolo di un anatomopatologo...durante una lezione di medicina. No, non è il massimo. E non era certo quello che desideravo. No: io volevo proprio una donna che mi fa pulsare e saltellare come fai tu con me. Mi piaci, sei viva, sei vera.Nella gioa come nel dolore, come nella delusione, come nell'attesa e nella speranza. E con te posso esserlo anch'io. Grazie per avermi fatto diventare un cuore "vero". Baci il tuo cuore. Con affetto Loretta